PREVISIONI METEO ITALIA – 03 FEBBRAIO 2023 ore 6:25 a.m. – in collaborazione con ilMETEO.it

Condividi su Facebook ↓
.
PREVISIONI a cura di ANTONIO SANO’ 
download
gestione pagina: Golden Life group Italy
***************************************
PREVISIONI ANIMATE ITALIA
IMMAGINI DAL SATELLITE ( tempo reale )

download

http://www.ilmeteo.it/flash/europa

PER AGGIORNAMENTI METEO EUROPA:

https://www.goldenlifegroup.com/previsioni-meteo-europa/

******

.

L’anticiclone della Candelora fino a Sabato 4,

poi arriva il GELO di NìKola! 

L’anticiclone delle Azzorre avvolge tutta l’Italia e ci terrà compagnia fino a Sabato.

Prima IRRUZIONE FREDDA già da Domenica 5 sera-notte, con pioggia e neve in collina al Nord e sulla Sardegna.

PROSSIMA SETTIMANA da crudo Inverno!

Arriva il Burian con il nocciolo gelido di NìKola dalla Russia Siberiana, rischio bufere di NEVE

a quote basse su diverse regioni

.

.

.

Meteo Comunicato Ufficiale Urgente: Crolla Tutto prima del Previsto! Paura per l’Inverno con Burian che arriva.

di Antonio Sano’ Fondatore

 Crolla Tutto, arriva Burian e Blizzard di Neve

Crolla Tutto, arriva Burian e Blizzard di Neve.

Non doveva forse essere un Inverno mite e avaro di gelo e neve, in linea con le tendenze di surriscaldamento globale annunciate e verificate ormai da tempo dai climatologi? No, qualcosa è andato storto e andrà storto in questo folle Inverno, con l’inevitabile arrivo del Freddo che, come sempre e come ogni volta, ci dividerà tra chi ama la neve ed il gelo e chi invece no.

Fino a pochi giorni fa era il nulla all’orizzonte che spegneva qualsiasi immaginazione, ma oggi i centri di calcolo, veri artefici oramai delle previsioni meteorologiche a qualsivoglia scadenza temporale, accendono una luce nel buio, cambiano le prospettive: adesso crolla tutto prima del previsto.
Si accendono così per molti le Speranze intrecciate ai Sogni dell’imminente Inverno che verrà, tra voglia di Neve, di sci, di ghiaccio, o solo Paura di una stagione per molti versi cruda e buia.

Il Generale Inverno pilotato da “NìKola”, un nocciolo di aria gelida dalla Russia, si avvicina a grandi passi e a breve, nei prossimi giorni, investirà l’Italia da Est, dalla Porta Balcanica e dalla Porta della Bora, attraverso quell’altipiano, del Carso, troppo spesso indifeso, ora come in passato.
Successivamente da Mercoledì 8 Febbraio la direttrice delle correnti sarà orientale e NìKola trasporterà masse d’aria di origine uralico-siberiana verso di noi e verso tutta l’Italia e l’Europa: dopo ben 5 anni giungerà il Burian e ci saranno fenomeni vistosi sulle regioni adriatiche e al sud Italia, con temporali di neve; ma il gelo, entrando nella Valpadana, si addosserà poi verso il Piemonte facendo nevicare inaspettatamente a Torino; ma c’è di più: al nord-est, segnatamente su Triveneto ed Emilia Romagna potrebbero verificarsi parossistici fenomeni di Blizzard con neve in pianura ed infine, un nucleo formatosi sul Tirreno, entro il giorno 9 potrebbe risalire, eccezionalmente nevoso, su Roma.

NìKola ci regalerà dunque tante occasioni per rivedere la nostra città o il nostro paesino imbiancati così da tornare almeno per un attimo ancora bambini, in quella bolla, così dolce e naturale, in cui tutto era bello, facile, spensierato, ignari del mondo e della vita, ma tutto sommato consapevoli, sin da allora, che la Natura è Sempre lì, a guardarci. Imprevedibile.

.

Meteo: con NìKola arriva il Burian, il gelo russo a grandi passi verso l’Italia; la data è stata confermata.

di Mattia Gussoni Meteorologo

Dalla Russia arriva NìKola, potente nocciolo di aria gelida

Dalla Russia arriva NìKola, potente nocciolo di aria gelida.

La data è appena stata confermata: il gelo russo avanza a grandi passi verso l’Italia e arriverà entro Lunedì 6 Febbraio. NìKola, un nocciolo di aria gelida di origine artico-continentale, richiamerà il temibile Burian (o Buran che dir si voglia), vento freddissimo che si spingerà fin verso il cuore del Vecchio Continente e che avrà degli effetti diretti anche su molte delle nostre regioni.

Per capire cosa potrebbe accadere dobbiamo come di consueto allargare il nostro sguardo all’intero scacchiere europeo, ovvero dove si muovono le grandi figure atmosferiche. Ebbene, dalla prossima settimana potrebbe prendere vita una particolare configurazione sinottica in grado di destabilizzare non poco il quadro climatico del nostro Paese.

Le ultime proiezioni, infatti, hanno confermato per i prossimi giorni un allungamento dell’Anticiclone delle Azzorre verso latitudini piuttosto settentrionali, fino addirittura a lambire la Scandinavia.
Questo anomalo movimento della bolla anticiclonica metterà in moto NìKola, un nocciolo d’aria gelida che dalla Russia scivolerà come “un fiume” verso il bacino del Mediterraneo, proprio come mostra la mappa del modello americano GFS qui sotto: giocoforza, il quadro atmosferico generale volgerà così verso un contesto più freddo, anzi freddissimo.

Nocciolo d'aria gelida, NìKola, dalla Russia verso il bacino del Mediterraneo

Nocciolo d’aria gelida, NìKola, dalla Russia verso il bacino del Mediterraneo. Stiamo parlando del temibile Burian il gelido vento che spira sulle lontane terre siberiane; analizzando nel dettaglio questo flusso scopriamo infatti che si tratta di aria artico-continentale, cioè la più fredda in assoluto, che trova la sua origine proprio in Siberia.

Gli effetti di questa svolta li inizieremo a sentire già da Lunedì 6 Febbraio: da lì in poi si faranno via via più incalzanti i freddi venti nord-orientali che interesseranno buona parte del nostro Paese, provocando un brusco crollo delle temperature. Analizzando il flusso gelido in arrivo, stiamo parlando di circa -10°C alla quota isobarica di 850 hPa (circa 1500 metri di quota), si tratterebbe dell’ondata di freddo più intensa degli ultimi anni.
Successivamente, questo flusso freddissimo concluderebbe poi la sua corsa nel bacino del Mediterraneo, tuffandosi direttamente dalla Porta del Rodano con effetti diretti sul nostro Paese.
Se ciò venisse confermato non è escluso che si possa formare una ciclo-genesi proprio tra il mar Ligure e il Tirreno, in grado di provocare un peggioramento del meteo con diffuse precipitazioni a partire dal Centro-Nord con la possibilità pure di nevicate fino a bassissima quota.
Nel frattempo, non riponete sciarpe e berretti: sta arrivando il crudo Inverno!

.

4 Febbraio 2023

cartina cartina
cartina approfondimento
cartina approfondimento
Valle d'Aosta Lombardia Piemonte Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Basilicata Puglia Calabria Sicilia Sardegna Valle d'Aosta Lombardia Piemonte Trentino Alto Adige Veneto Friuli Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Molise Campania Basilicata Puglia Calabria Sicilia Sardegna

APPROFONDIMENTO

Prosegue senza sosta il dominio assoluto dell’anticiclone delle Azzorre. Giornata asciutta e in gran parte soleggiata, anche con clima mite di giorno su tutte le regioni. Non mancheranno annuvolamenti intensi, specie in Toscana e Liguria e locali banchi di nebbia mattutini, soprattutto sulla Pianura Padana centro-orientale. Isolate piogge sul Salento e sulla Calabria.

 

NORD

L’anticiclone delle Azzorre garantisce una giornata ampiamente stabile su tutte le regioni; cielo a tratti coperto al mattino sulla Liguria e lungo la costa adriatica, poi con il passare delle ore sono attese maggiori schiarite. Locali foschie o nebbie sulla Pianura Padana centro-orientale, in dissolvimento nel corso del giorno. Temperature massime gradevoli.

Temperature

Attese punte massime di 15 gradi a Milano, 14 a Torino e Genova.

CENTRO e SARDEGNA

L’alta pressione azzorriana domina la scena: al mattino, molte nubi  sulla Toscana e sul Nord della Sardegna, ma senza fenomeni associati. Altrove, cielo sereno o poco nuvoloso. Dopo metà giornata, bel tempo prevalente con maggiori schiarite ovunque, in un contesto termico mite per il periodo.

Temperature

Valori massimi fino a 15 gradi a Roma, 12 a Firenze e 13 a Pescara.

SUD e SICILIA

Venti tesi dai quadranti settentrionali porteranno qualche isolato piovasco sul Salento e poi sulla Calabria, specie tra il mattino e il pomeriggio. Sul resto dei settori avremo invece un più ampio soleggiamento per tutta la giornata. Mari localmente molto mossi.

Temperature

Punte massime fino a 15 gradi a Napoli e Palermo, 14 a Bari.

.
Domenica 5 Febbraio
Anticiclone delle Azzorre in declino. Giornata con possibili nebbie e nubi bassi al Nord (Pianura Padana) e in Toscana. Qualche annuvolamento al Sud, soleggiato altrove. Dalla sera peggiora al Nordest, irrompono venti gelidi dalla Russia: nevicate a quote collinari sul Triveneto, in estensione nella notte anche a Toscana, Marche, Abruzzo.
.
Lunedì 6 Febbraio
Anticiclone in spostamento verso Nord, arriva l’irruzione gelida di NìKola. Tempo in peggioramento al Centro-Sud, con rovesci sparsi fin dal mattino su Marche, Campania, Abruzzo e poi Sardegna, qui con fenomeni anche di moderata intensità, nevosi fino a 500 metri. A seguire, diffusa instabilità sulla Sicilia. Altrove, soleggiato ma in un contesto via via più freddo.
.
Martedì 7 Febbraio
Venti gelidi dalla Russia investono l’Italia, insiste NìKola. Temperature in ulteriore calo da Nord a Sud, specie nei valori minimi; fenomeni instabili su Sicilia e Sardegna, con possibili nevicate a quote medio-basse.
.
Mercoledì 8 Febbraio
Pressione in generale aumento. Fatta eccezione per qualche foschia o nebbia mattutina al Nord e per qualche addensamento nuvoloso sulla Sicilia e sulla Basilicata, la giornata risulterà ampiamente soleggiata ovunque. Valori minimi molto freddi, con gelate diffuse, anche a Roma.
.
GIOVEDI 9 – VENERDI’ 10 febbraio (attendibilita’ alta 70%)

EVOLUZIONE GENERALE EUROPA

L’alta pressione delle Azzorre avanza sul continente e anche sul bacino del Mediterraneo, ma qui il suo incedere verso l’Italia favorisce l’arrivo di un impulso polare.

cartina

TEMPO PREVISTO SULL’ITALIA

Arriva il Burian con il nocciolo gelido di NìKola dalla Russia. Da iniziali condizioni di bel tempo a peggioramento sulle regioni meridionali, localmente anche su quelle centrali adriatiche. La neve tornerà a scendere a quote collinari. Sarà soleggiato sul resto d’Italia.

TEMPERATURE 

In diminuzione.

.
SABATO 11 – LUNEDI’ 13 febbraio (attendibilità media, 50% )

EVOLUZIONE GENERALE EUROPA

L’alta pressione è confinata sui settori occidentali del vecchio continente, da est continuano a soffiare i gelidi venti del Burian portato dal nocciolo gelido di Nìkola.

cartina

TEMPO PREVISTO SULL’ITALIA

In questo periodo avremo condizioni di tempo stabile soleggiato su gran parte delle regioni, soltanto al Centro-Sud continueranno a farsi sentire gli effetti del maltempo, con nevicate a quote medio-basse in Appennino.

TEMPERATURE

Decisamente sotto la media.

.
MARTEDI’ 14 – MERCOLEDI’ 15 febbraio (attendibilità bassa, 30% )

EVOLUZIONE GENERALE EUROPA

L’alta pressione delle Azzorre avanza faticosamente da Ovest verso est, facendo sentire parte della sua forza anche sull’Italia; sull’Europa orientale insistono venti gelidi nordorientali.

cartina

TEMPO PREVISTO SULL’ITALIA

Fase stabile e spesso soleggiata al Nord e al Centro; residua instabilità al Sud.

 

TEMPERATURE

Stazionarie.